Teatro Sociale Danilo Donati di Luzzara

Logo CC
  • Luogo
    Piazza Adolfo Tedeschi - Luzzara
  • Tipologia
    Teatri
  • Rete
    Cultura & Castelli

Contatti

Teatro Sociale Danilo Donati

Iniziato nel 1813 grazie alla costituita Società teatrale luzzarese, i lavori per la costruzione del Teatro di Luzzara videro vicende lunghe e travagliate. Solo il 2 ottobre 1852 il Teatro inaugurava, finalmente, con l’opera I Capuleti ed i Montecchi di Vincenzo Bellini.
Negli anni ‘30 e ‘40, oltre ad ospitare varie compagnie di giro, gli spettacoli della locale Società Filodrammatica e le esibizioni della Società Filarmonica luzzarese, il Teatro era utilizzato come sala da ballo e come cinematografo.
Occupato durante la seconda guerra mondiale, all’indomani della Liberazione divenne camera ardente per i partigiani luzzaresi. Dopo una breve stagione in cui si realizzarono unicamente feste di Carnevale e Capodanno, venne poi venduto a privati e trasformato in magazzino. Negli anni ’70, come testimoniano le fotografie di Gianni Berengo Gardin realizzate per Un paese vent’anni dopo, fu persino adibito ad autorimessa. Successivamente, l’edificio venne acquistato dall’Amministrazione Comunale che, nel 1988, diede inizio ai lavori di restauro, interrotti poco dopo per mancanza di fondi.
Nel 2013 la svolta: una prima miracolosa riapertura, impensabile fino a pochi anni prima, grazie all’idea di recupero di Fondazione Un Paese e al lavoro di un appassionato gruppo di volontari. La strada era peraltro già segnata, illuminata da quel faro che è la splendida realtà del “cantiere aperto” del Teatro Sociale di Gualtieri, un’esperienza di recupero collettivo di un bene comune.
Da questa prima apertura il Comune di Luzzara ha condotto un progetto di ristrutturazione che alla fine del 2018 ha portato il Teatro alla riapertura con un’agibilità di 99 posti. Recuperare uno spazio nel cuore del paese, restituirlo ad un territorio, ad una comunità come azione fortemente civile e sociale.

Ultimo aggiornamento 01/06/2021
SITO UFFICIALE DI DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA © 2021