Parchi del Ducato a Parma

Nature

Parchi del Ducato a Parma

Nella provincia di Parma a pochi chilometri dalla città, i Parchi del Ducato vi danno il benvenuto.

Parco Fluviale Regionale del Taro

Sotto il segno della diversità.
Il Parco tutela il tratto di fiume tra Fornovo e Pontetaro (PR) ed ha un'estensione di circa 2000 ha (oltre 3000 se si include l'area contigua).
Da anni l'Ente sta operando per salvaguardare questo importante corridoio naturale, in cui convivono luoghi ad elevata naturalità, aree agricole e altre profondamente modificate dall'uomo.
Area protetta di grande importanza come rotta di migrazione e sito di nidificazione di diverse specie di uccelli, rappresenta un luogo ideale per il turismo verde.
A pochi chilometri dal centro di Parma, è l'ambiente perfetto per escursioni facili, percorsi di cicloturismo e mountain bike, per il birdwatching e per la vicinanza con altri luoghi di interesse storico e paesaggistico: il Museo Ettore Guatelli e il Parco Boschi di Carrega.

Parco Regionale Boschi di Carrega

Le raffinate atmosfere dei boschi ducali.
Istituito nel 1982, è stato il primo Parco della Regione Emilia Romagna.
Si estende sui terrazzi fluviali quaternari fra il fiume Taro e il torrente Baganza ed ha un'estensione di circa 1270 ha (2600 ha considerando anche l'area contigua).
Tutela un'area boscata collinare di grande interesse naturalistico, e storico e culturale.
L'elegante paesaggio mostra un'alternarsi di boschi, prati stabili e seminativi solcati da numerosi ruscelli e piccoli specchi d'acqua artificiali, creati a scopo paesaggistico ed irriguo tra la fine '800 e i primi del '900.
Per gli amanti della storia e dell'arte il Parco custodisce anche alcuni preziosi gioielli architettonici, come il Casino de' Boschi.
I Boschi di Carrega offrono in ogni stagione motivi di interesse ed il Parco è promotore di numerose attività culturali e di educazione ambientale per le scuole.

Parco Regionale dei Cento Laghi

Un accogliente paesaggio e prodotti tipici noti in tutto il mondo.
La presenza, nel Parco, delle diverse fasce altimetriche (dai 400 ai 1650 m s.l.m.) garantisce una notevole varietà di ambienti e un elevato grado di biodiversità.
Un ambiente ancora integro, dove da secoli la natura si sposa con il vivere dell'uomo, per dare vita ad eccellenze agroalimentari conosciute e apprezzate in tutto il mondo come il Parmigiano-Reggiano DOP e il Prosciutto di Parma DOP.
Un territorio dove si abita, si lavora… si vive!
Un'accogliente "terra di mezzo" tra le grandi città della Pianura Padana e l'isolato e selvaggio crinale Tosco-Emiliano.
Nato nel 1995 come Parco di Crinale dell'Alta Val Parma e Cedra, dopo l'istituzione (2001) e l'ampliamento (2010) del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano, il Parco Regionale ha riconfigurato il proprio territorio e ha cambiato la propria "missione".
Non più solo tutela degli splendidi ambienti sommitali, ricchi di natura e quasi completamente disabitati, ma piuttosto valorizzazione del paesaggio rurale di media montagna, ancora ben conservato e ricco di biodiversità, agricoltura, prodotti tipici, cultura e turismo.

INFO:
Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Occidentale
Sede: Strada Giarola, 11 - 43044 Collecchio (PR)
Tel. 0521 802688
info@parchiemiliaoccidentale.it
www.parchidelducato.it